Amichevole dai felsinei

Bologna, 24 marzo 2011 – Amichevole di allenamento in previsione della Serie D per la compagine gigliata in quel di Bologna. Oltre a Firenze (Cattani, Bonciani, Bonamici e il prestito Resca) ai nastri anche Bologna Tiger,  Lugo di Romagna e Bologna B. Ottimo secondo posto per i ragazzi guidati da Cattani che mettono dietro una diretta avversaria come Lugo e perdono di misura con i fortissimi bolognesi.

Open di Lugo: i viola non decollano!

Lugo di Romagna –  Niente da fare. Firenze ancora non riesce a trovare il bandolo della matassa e anche in terra romagnola si ferma al girone. Troppo forti i Tigers Bologna che battono i gigliati con un secco 4-0 anche se sui campi nessuna partita è stata un assalto all’arma bianca. E’ la seconda partita che segna il solco negativo. L’avversario non può e non deve essere temibile per i ragazzi di Coach Cattani anche se Lugo “B” si presenta sui campi con almeno due giocatori titolari in prima squadra. Purtroppo la risposta dai campi è impietosa. Firenze perde 2-1 e si mette a sedere in attesa di un Consolazione che alla fine li vedrà vincenti grazie alle vittorie con Vicenza e Cremona. C’è molto da lavorare e già da domenica nella 3^ tappa del Circuito Regionale a Pistoia i ragazzi gigliati saranno chiamati ad una prova di riscatto.

 

All’Open di Modena è semifinale

Buonissima prestazione dei gigliati che in quel di Modena conquistano una semifinale davvero molto significativa nel cammino di avvicinamento alla Serie C sicuramente evento clou dell’annata agonistica. L’inizio è in salita: giorne da 3 insieme a Stella Artois e Lugo ma soprattutto senza scendere sul campo nei primi 2 turni di gioco che ci vedono protagonisti solo come arbitri. Entrare a freddo in una competizione già al terzo turno è davvero difficile ma sfoderiamo una prova d’orgoglio che ci consente di pareggiare con gli amici romagnoli e nonostante la sconfitta con Milano per 2-1 grazie alla splendida vittoria di coach Cattani e il pareggio di Pecchioli contro l’accoppiata Biso-Intra, approdiamo al barrage. E lì arriva il capolavoro, l’avversario sono i forti biellesi ma la determinazione e una perfetta scelta strategica sui quattro campi ci consente di vincere una partita davvero difficile che ha infuso in tutti noi la consapevolezza di quello che significa essere una squadra. Arriva la Continua a leggere